Colonia, mercatini di Natale. Con bambini.

/Colonia, mercatini di Natale. Con bambini.

Colonia, mercatini di Natale. Con bambini.

Mercatini di Natale a Colonia. Con bambini.

Stai cercando una destinazione dove poter coniugare il folklore dei mercatini di Natale con eccellenze architettoniche e storiche? E magari con un parco a tema a pochi minuti d’auto dove trascorrere una giornata di divertimento con i tuoi bambini? Allora Colonia è proprio la meta che fa al caso tuo.

Una città con più di un milione di abitanti, una storia millenaria e uno degli edifici religiosi più straordinari del mondo. E, ovviamente, mercatini natalizi. In centro esploreremo i cinque più grandi, ma in ogni piazzetta potreste scoprire sorprendenti bancarelle avvolte da luci e colori. Non dimenticate di portare con voi ombrelli o impermeabili. Anche nelle giornata più assolate (e non sono moltissime)  la pioggia può improvvisamente sorprendervi, anche solo per pochi minuti.

Non si può non cominciare con il grande mercato a ridosso della Cattedrale. Oltre centocinquanta stand riempiono la vasta piazza che si estende lungo la navata destra dell’imponente edificio, il più alto del mondo all’epoca della sua costruzione (ultimato nel 1880), e miracolosamente in piedi anche dopo i drammatici bombardamenti della seconda guerra mondiale, che di fatto hanno praticamente raso al suolo la città.

Se siete in auto, consiglierei di utilizzare il grande parcheggio Dom. Si snoda proprio sotto la piazza, l’uscita pedonale è di grande suggestione: sotto una delle enormi guglie della cattedrale, direttamente all’interno del mercatino, proprio accanto all’enorme albero di Natale.

Le bancarelle sono disposte in maniera un po’ caotica, ricreando lo spirito di un villaggio ma alimentando forti assembramenti, specie in prossimità dei chioschi delle bevande calde. L’offerta è articolatissima: troverete di tutto. Dalle mille soluzioni alimentari (wurstel, dolci, langos, frittelle, raclette, panini, ecc.) alle innumerevoli proposte  natalizie, dai prodotti più raffinati ed artigianali ai souvenir commerciali. Chiaramente, se riflettete troppo sui prezzi, non sempre abbordabili, non porterete a casa niente.

Dopo aver visitato la Cattedrale (la terza più alta al mondo, con spazi interni pari ad un campo di calcio), è d’obbligo attraversare l’attiguo Hohenzollernbrucke, che unisce le due sponde sul Reno. L’inferriata è totalmente ricoperta da centinaia di migliaia di lucchetti, ed offre incredibili scorci fotografici sulla città vecchia. Se poi volete spingervi fino al Koln Triangle, un grattacielo alto cento metri, con tre euro (bambini gratis) potete salire all’ultimo piano e scattare foto incredibili.

A meno di duecento  metri dalla piazza della cattedrale il suggestivo Alter Markt ospita un mercatino più ordinato, con prodotti di maggiore qualità e prevalentemente orientato ai bambini. Numerosi stand offrono giocattoli artigianali e d’epoca, una ruota panoramica attirerà gli sguardi dei vostri figli. Mentre voi camminerete con il naso all’insù, per ammirare le candele luminose che arricchiscono gli alberi della piazza.

In Neuemarkt, raggiungibile con una passeggiata di un quarto d’ora attraverso la Schildergasse (strada pedonale votata allo shopping), vi tufferete nel mercato degli angeli, il più antico della città. Stelle luminose fra i rami degli alberi impreziosiscono la piazza. La merce in vendita è  sostanzialmente simile a quella che trovate in prossimità del Duomo. Ma la grande pista di ghiaccio illuminata e lo spettacolare palco in legno resteranno nella vostra memoria, oltre  che su quella dei vostri cellulari.

Se avete ancora un po’ di energia, spingetevi per altri cinquecento metri fino a Rudolfplatz, dove in prossimità della Hahnentor c’è un piccolo e grazioso mercatino. Il tema principale è legato alle fiabe dei fratelli Grimm.  Gli stand sono molto più ricercati, casette di legno a graticcio che trasmettono la sensazione di un vero borgo medievale.

L’ultimo, fra i grandi mercatini della città, è situato in prossimità del porto. Se non avete voglia di rifare la strada a piedi sino alla cattedrale, o i bambini si lamentano della lunga camminata,  approfittate di uno dei numerosi taxi in circolazione. Con circa dieci euro vi riporterà al parcheggio Dom. Da qui, con l’auto, in cinque minuti si è sul tratto di riva che ospita il mercatino, proprio accanto al noto Museo del Cioccolato.

Gli stand sono più dozzinali, ed anche il numero e la qualità dei prodotti offerti non è eccezionale. Ma la location è davvero suggestiva, a ridosso del Reno e con ambientazione prevalentemente marinaresca. Si visita in pochi minuti, vale la pena soffermarsi e motivare i bambini con un dolcetto in più.

La giornata (o le giornate, se avete più tempo a disposizione) è piacevolmente stancante. I bambini, per i giorni successivi,  non vorranno più saperne di mercatini. Ma se proporreste loro il secondo parco divertimenti più visitato della Germania? Aperto e agghindato per il Natale? Phantasialand è a poco più di venti km dal centro di Colonia. Trentasei attrazioni, sovrapposte in un’area sostanzialmente limitata. Ottimo per essere visitato in un unico giorno.  Se può interessarti, dai un’occhiata al relativo articolo. Non appena pronto, il link sarà cliccabile.

Se invece, non riuscite a saziarvi dei colori e delle luci natalizie, allora è il caso di fare un salto a Bonn e ad Aquisgrana. Riuscirete a visitarle entrambe in un’unica giornata.

By |2018-12-10T22:09:01+00:00Dicembre 10th, 2018|Europa, Mercatini di Natale|0 Comments

Leave A Comment